Biblioteche Ricerca

Novità

Appuntamenti Libri
 

home  ›  novità  ›  "ichnussa", la biblioteca digitale della poesia sarda

Novità

Maria Lai - Libro cucito (fonte www.mediatecaogliastrina.it) Ichnussa, la biblioteca digitale della poesia sarda Promosso dall'associazione culturale ulassese Sa perda e su entu, il progetto, come già altri progetti simili, nazionali e internazionali, prevede l'acquisizione in formato digitale tutti i testi poetici in lingua sarda liberi dai diritti d’autore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Ichnussa", la biblioteca digitale della poesia sarda

 

Il progetto "Ichnussa", promosso dall'associazione culturale ulassese Sa perda e su entu, e dal presidente Giuseppe Cabizzosu, si propone di creare la biblioteca digitale dei classici della grande poesia in lingua sarda.

L'associazione culturale Sa perda e su entu, istituita nel 2001, ha sede nella Biblioteca comunale di Ulassai.

Nel 2005 l'associazione è stata promotrice del primo concorso di letteratura sarda della provincia d'Ogliastra, nato – nell'idea originaria – come collana editoriale locale di poeti ulassesi (già pubblicati "Dae s'intragna" di Giovanni Loddo, "Comente la creo" di Antonio Puddu e "Lugores" di Antonio Pilia; un quarto volume è in fase di realizzazione).

Da qui l'idea di rendere disponibili e fruibili gratuitamente via internet le opere giunte in possesso dell'associazione e quindi di realizzare una biblioteca digitale che «metta a disposizione libera e gratuita tutte le opere poetiche in lingua sarda in quanto patrimonio culturale dell'umanità».

Il progetto, come già altri progetti simili, nazionali e internazionali, prevede l'acquisizione in formato digitale tutti i testi poetici in lingua sarda liberi dai diritti d'autore o di opere soggette al diritto di cui gli autori o beneficiari dei diritti autorizzino la pubblicazione.

Le opere, dopo un'accurata analisi filologica, saranno inserite nella biblioteca digitale per essere liberamente consultate sul Web. Così tutti potranno liberamente leggere a video le opere poetiche, salvarle e eventualmente stamparle.
La pubblicazione in formato digitale consente inoltre un continuo lavoro di revisione che permette edizioni sempre più corrette e attendibili.

Questa iniziativa si compone della partecipazione di tutti coloro che vorranno dare il proprio contributo alla promozione ed alla divulgazione della cultura sarda nel mondo, condividendo le opere possedute nelle loro raccolte personali.

Sul sito Web dell'associazione sono disponibili tutte le informazioni, anche relative agli aspetti tecnici, necessarie alla partecipazione insieme all'appello del presidente Giuseppe Cabizzosu.

[Fonte: www.saperdaesuentu.it © 2005-2006 Giuseppe Cabizzosu]

Link utili:
Le pagine sul sito Web dell'associazione