Fondazione

"Stazione dell'arte"

Museo d'arte contemporanea

Ulassai

Maria Lai

 
…“Cosa intendevi per arte
quando hai scelto la tua strada?
 
Giocavo con grande serietà,
a un certo punto i miei giochi
li hanno chiamati arte.”

Stazione dell'arte
     
 
  Mondo incandescente  
 

Orari visite guidate:

 

ore 9.30 – 11.00 –12.30 – 16.00 – 17.30 – 19.00 – 20.00

Apertura museo:

dal 1 maggio al 30 settembre

dal lunedì alla domenica

dalle ore 9.00 alle 21.00

 

dal 1 ottobre al 30 aprile

da mercoledì alla domenica

dalle ore 9.00 alle 19.00

Su prenotazione

 

per gruppi di almeno 10 persone

aperto tutti i giorni

 

     
 

Accettazione e prenotazione visite

tel. 334/9695939

 
 

Stazione dell'arte

Stazione dell'arte

Stazione dell'arte

 
Con la donazione di Maria Lai di circa un centinaio di opere d’arte che hanno segnato profondamente l’arte contemporanea del novecento si è avviato, ad Ulassai, un progetto culturale che non è che la naturale prosecuzione di una vocazione nel campo dell’arte contemporanea che il paese di Ulassai coltiva da oltre un ventennio. Un lungo viaggio partito da quel magico “Legarsi alla montagna” del 1981 (oltre dieci km di nastro celeste che unirono case e montagne in un paese eletto a luogo emblematico dell’isolamento) che, attraverso moltissime altre esperienze artistiche che fanno di Ulassai un vero e proprio museo all’aperto, ha portato ad una vecchia stazione ferroviaria collocata a pochi chilometri dal paese. Realizzata su un pianoro che domina la sottostante vallata del Pardu e si affaccia sui pittoreschi tornanti che collegano Ulassai e Jerzu, la “Stazione dell’arte è composta da tre caseggiati che, interamente ristrutturati e adattati all’esposizione di opere d’arte, sono stati trasformati in un moderno ed innovativo museo di arte contemporanea. “Stazione dell’arte, bivio, crocevia, luogo simbolico di arrivi e partenze. Luogo di crescita, di studio, di contemplazione, di maturazione, di ricerca dove poter, con rigore, capire e interpretare l’arte contemporanea.
 
 

        

 

                                                                                                                       
Home

indietro
                         

                                                                                                                                

© 2001 - 2010 - Giuseppe Cabizzosu